Tag Archives: mostra

VISIONI D’ARTE

VISIONI D’ARTE – al Must di Lecce

VISIONI D’ARTE

Sguardo alla Nuova Figurazione Italiana attraverso opere di collezioni private a cura di Carmelo Cipriani

Inaugurazione: giovedì 1 giugno 2017 ore 18.30

Apertura al pubblico: 2-11 giugno 2017

MUST – Museo Storico della Città di Lecce in Via degli Ammirati 11.

Dall’1 all’11 giugno il MUST – Museo Storico della Città di Lecce ospita la mostraVisioni d’Arte. Sguardo alla Nuova Figurazione Italiana attraverso opere di collezioni private, curata da Carmelo Cipriani, promossa dal Comune di Lecce, nell’ambito della rassegna estiva “Summer Must”, in collaborazione con l’Associazione Culturale “De la da mar. Centro Studi sulle Arti Pugliesi” di Lecce e la Delegazione di Lecce del FAI – Fondo Ambiente Italiano.

La mostra raccoglie trenta dipinti di alcuni dei maggiori artisti italiani contemporanei, tutte provenienti da collezioni private italiane. Gli artisti presenti saranno: Agostino Arrivabene, Aldo Damioli, Giovanni La Cognata, Giovanni Frangi, Luca Pignatelli, Alessandro Papetti, Marco Petrus, Mauro Reggio, Bernardo Siciliano, Velasco Vitali. Opere ed artisti sono stati selezionati in quanto rappresentativi della figurazione praticata in Italia a partire dagli anni Novanta.

Come scrive Carmelo Cipriani: “La mostra si rivolge ad un preciso decennio, gli anni Novanta, in cui il perpetrarsi della figurazione appare quasi una necessaria continuazione del suo riproporsi nel decennio precedente, seppur con forme e modalità estremamente differenti. Mentre gli anni Ottanta appaiono caratterizzati da un fare pittorico espressionistico, con figure esasperate nelle pose e nelle fisionomie, dolenti o vitalistiche, gli anni Novanta si presentano ermetici, a tratti tenebrosi, connotati da atmosfere neometafisiche e neosurrealiste, rese più raffinate dai ricercati riferimenti alla classicità e dall’adamantino racconto di geografie urbane. Uno sguardo in profondità condotto attraverso opere di collezioni private italiane, che nell’unitarietà della visione restituiscono l’immagine di un decennio problematico, difforme negli esiti ma armonico nella sostanza, sospeso tra passato e futuro, tra localismi e globalizzazione, tra rifugi memoriali e ansia di ricerca. A raccontarlo dieci artisti scelti per rappresentatività di ricerca, in cui il ritorno allo studio è gesto di rottura e tracciato ossimorico, un modo per essere controcorrente nella tradizione. Nel percorso le opere formano un continuo gioco di equilibri e significati, intrecciando momenti di vita privata e scenari di pubblica condivisione. Proposte polimorfe, emblematiche di un periodo circoscritto e definito da caratteri propri, le opere in mostra compongono un catalogo eterogeneo di interventi figurativi di rara bellezza. La pittura vi appare know-how identitario, tradizione culturale e sapienza manuale, mentre la contiguità tra antico e moderno è assunta a dichiarazione di metodo e di critica ad indicare un continuum culturale ed epistemologico”.

 

ITINERARIO ROSA NEI MUSEI

ITINERARIO ROSA NEI MUSEI

Itineraio Rosa nei Musei

In occasione di “Itinerario rosa” 2017, manifestazione promossa dal Comune di Lecce, che mira a valorizzare il ruolo della donna attraverso una serie di “percorsi al femminile” di carattere culturale e sociale, alcuni musei leccesi hanno organizzato una serie di iniziative che si terranno da marzo a maggio 2017 inspirati alla figura femminile:

  • 12 MARZO “Donne…emozioni ed arte” laboratori di cartapesta e creazione di monili a cura di Adelina Sposato, Castello Carlo V, ore 9.30-13.00;
  • 16 MARZO “HEROIDES (Eroine) – Lettere d’Amore scritte da Ovidio” reading teatrale a cura dell’ Ass. Teatro Dantès – Art Factory di e con Maria Margherita Manco – regia Antonio Duma, Castello Carlo V, ore 19.00-20.30;
  • 18 MARZO Visita guidata: “L’importanza della Vergine nella cultura contemporanea” a cura di Swapmuseum, Museo Diocesano di Arte Sacra di Lecce, ore 17.30-19.30 per prenotazioni: 327 1631656;
  • 21 MARZO – 2 APRILE “Eclettico Femminile. Tutte le sfumature del Rosa” – 3ª Ediz. exhibition di fotografia, arte, artigianato d’eccellenza e design – mostra-workshop/laboratori a cura di FAAD, Palazzo Vernazza, info e prenot. laboratori: 347 1546462 sab. e dom. 10.00-13.00 e 17.00-21.00 lun. – ven. ore 17.00-21.00;
  • 24-26 MARZO Mostra di Ritratti Personalizzati a cura di Alessandra Coluccia, Castello Carlo V, ore 16.30/20.00; domenica ore 10.00/13.00 e 16.30/20.00;
  • 1 APRILE Visita guidata: “La figura della donna attraverso testimonianze di donne di nazionalità diverse” a cura di Swapmuseum, Museo Diocesano di Arte Sacra di Lecce, ore 17.30-19.30 per prenotazioni: 327 1631656;
  • 1-3 APRILE “L’arte nobile del chiacchierino” 3ª edizione – Raduno merlettaie mostra merletti dell‘800 – collezione privata ditta DMC laboratorio e mostra a cura di Daniela D’Amuri, Castello Carlo V, ore 10.00-12.00/17.00-19.00 per prenotazione laboratori 329 1681680;
  • 5-17 APRILE “Donne Audaci: da Iside a Lucia Annibali” mostra personale di Anna Frappampina curatrice Pompea Vergari – critica d’arte, Palazzo Vernazza, piano terra, ore 10.00-13.00/17.30-20.30;
  • 5-17 APRILE “Super Habilis” mostra d’arte a cura dell’ Ass. Cult. LO.FT-Locali Fotografici, Palazzo Vernazza, 1° piano, ore 10.00-13.00/17.30-20.30;
  • 6 APRILE “Quando la tecnologia imita la natura: anche tra macchina e corpo l’integrazione nasce dal dialogo” tavola rotonda a cura dell’ Università del Salento Dipartimento di Fisica interveranno: Eleonora Alfinito , prof.ssa di Fisica della Materia, Dip.to d’Ingegneria Maria Rachele Guascito , prof.ssa di Chimica Analitica, Dip.to di Scienze e tecnologie Biologiche e ambientali coordina la prof.ssa Rossella Cataldo , Dip.to di Matematica e Fisica, Castello Carlo V, ore 17.30;
  • 7-17 APRILEROTTE PARALLELE… artigiane DA’ MARE” mostra-laboratorio sull’arte marinaresca a cura di Stefania D’Elia, Ines Montefusco, Ilaria Perrone, Rita Quarta, Alessandra Botonico, Castello Carlo V, ore 9.30-13.00/16.30-20.30;
  • 9 APRILE Presentazione del libro “Figlia mia” di Rossella Maggio – Caosfera Edizioni, Castello Carlo V, ore 18.30;
  • 15 APRILE “Viaggio nell’immaginario femminile” visita al Museo ferroviario e laboratorio di scrittura creativa a cura di Swapmuseum, Museo ferroviario della Puglia, ore 9.30-12.30;
  • 20-27 APRILE “L’orto dei ricordi” mostra-laboratorio, performance di G. Piccinni proiezione video di Claudia Ingrosso Espongono: R. Bergamo, M. Calcagnile, R. Muhlhausen, D. Cecere, M. D’Elia, E. De Giorgi, D8S, L. Ghionna, M. Ingrosso, G. Lendero Camiless, M. Lisi, M. Marangio, L. Martina, G. Prontera, E. Santoro, A. Scolavino, S. Sparro, P. Zampa a cura dell’Ass. Le Ali di Pandora, Palazzo Vernazza, ore 10.00-12.00/17.00-20.30 inaugurazione 20 aprile – ore 18.00;
  • 20-30 APRILE Progetto Innovazione Rete Donna mostra – laboratorio“Arte in fiore” seminari imprenditoria femminile mostra di prodotti tipici salentini a cura di imprese al femminile evento salute e sport “Natura in bike” seminario e mostra permanente Mibact reti di impresa turistiche e culturali evento turismo enogastronomico “Percorsi del gusto al femminile” a cura di I.S.T.E.S. – A.r.t.s., Castello Carlo V, info: 329 6121041-info@istes.net per laboratorio: 320 2793114 ore 10.30-13.00/16.30-20.00;
  • 26 APRILE “Caduto a terra non sapevo dove” introduzione del dott. Vincenzo Leone intervento del dott. Roberto Nuzzo laboratorio interattivo di informazione e sensibilizzazione sull’Alzheimer a cura della Comunità Emmanuel , del Centro Diurno socio-assistenziale per l’Alzheimer “Porte del Cuore”, dell’Ass. Le Ali di Pandora, Palazzo Vernazza, ore 17.30;
  • 4-14 MAGGIO “L’altra Tamara” mostra personale di Giulia Epifani curatrice Pompea Vergari , critica d’Arte, Castello Carlo V, ore 10.00-13.00/17.30-20.30;
  • 18-22 MAGGIO Laboratorio e mostra di gioielli ispirati agli elementi e architetture del territorio a cura di Roberta Risolo, Castello Carlo V, ore 10.00-13.00/17.00-20.30.

 

 

in-perfectione

IN-PERFECTIONE – Pinacoteca Comunale di Ruvo

IN-PERFECTIONE alla Pinacoteca Comunale d’Arte Contemporanea “Domenico Cantatore”

In-perfectione apre venerdì 8 luglio 2016 alle ore 19.00 presso la Pinacoteca Comunale d’Arte Contemporanea di Ruvo di Puglia, che si protrarrà fino al 31 luglio. La mostra curata da Carmelo Cipriani e promossa dal Comune di Ruvo di Puglia e organizzata dall’Associazione Culturale “De là da mar. Centro Studi sulle Arti Pugliesi” di Lecce, in collaborazione con Associazione Turistica Pro Loco, Forum dei Giovani, Officine XYZ e Clitorosso Art Gallery di Ruvo di Puglia, è patrocinata dalla Regione Puglia, dall’Accademia di Belle Arti “Fidia” di Vibo Valentia e dalla Delegazione FAI di Barletta-Andria-Trani.

L’esposizione si concentra sul concetto di perfezione indagandone soggettività e divergenze; riflettendo sul fascino dell’imperfezione, sul coinvolgimento dell’anomalo e sulla relatività della bellezza, intesa e proposta oltre i canoni imposti. Visibile e non visibile, riconoscibile e irriconoscibile, puro e contaminato, umano e meccanico sono solo alcuni dei binomi su cui il progetto, attraverso lo opere selezionate, pone il suo sguardo nel tentativo di cogliere la relatività della perfezione.

“L’arte – scrive il curatore Carmelo Cipriani – è limbo collocato tra percezione ed espressione, dualistica entità attraverso cui l’uomo restituisce se stesso rendendo tangibile ciò che non lo è. La rassegna rende omaggio a questa peculiarità della ricerca estetica, componendo un cross-over di esperienze, un palcoscenico di sguardi incrociati in cui mettere in discussione il tradizionale concetto di perfezione, che finalmente si scopre autenticamente soggettivo. Lo scopo è quello di offrire una visione diversa della bellezza, un canone divergente che nella difformità riesce a farsi modello”.

Tredici sono gli artisti coinvolti, provenienti da tutta Italia differenti per età, formazione e mezzi espressivi, dalla pittura all’installazione, dalla scultura alla fotografia. Gli artisti invitati sono: Gianfranco Basso, Giovanni Carpignano, Pierluca Cetera, Giuseppe Ciracì, Francesco Cuna, Francesco De Molfetta, Carlo D’Oria, Alessandro Fonte, Paola Mattioli, Angelo Marinelli, Pamela Pintus, Daniela Raffaele, Paolo Schmidlin.

In-perfectione

Per la mostra è stato inoltre redatto un catalogo con testi istituzionali, critici, apparato iconografico e note.

Ruvo di Puglia (BA), Pinacoteca Comunale

Ex Convento dei Domenicani, Via Madonna delle Grazie

Orari di apertura della mostra: dal lunedì alla domenica dalle 10 alle 13 e dalle 18 alle 20.

Chiuso il lunedì pomeriggio.

Info: samfrancis@libero.it – 3207714234

Per maggiori informazioni cliccare qui.

IMG_4676

Conferenza stampa “Andy Warhol – Ladies VS Gentleman e gli scatti di Maria Mulas”

Lo scorso giovedì 23 giugno, presso il Castello Carlo V di Lecce si è tenuta la conferenza stampa della mostra “Andy Warhol – Ladies VS Gentleman e gli scatti di Maria Mulas” e noi di Pugliamusei non potevamo assolutamente perderci questa anteprima!

La mostra infatti è stata aperta ai visitatori sabato 25 giugno e sarà possibile visitarla fino al 20 novembre.

Con 72 opere di Andy Warhol e 12 fotografie di Maria Mulas, sarà possibile ripercorrere i momenti salienti della vita artistica del Maestro della Pop Art, come quello del ciclo Ladies and Gentleman che raccoglie dieci serigrafie del 1975 e che ritraggono le drag queen afroamericane del club newyorkese The Gilden Grape.

IMG_4674

Al nostro arrivo, la fotografa Maria Mulas era già alle prese con i giornalisti

La conferenza.

La conferenza

 

IMG_3724

Che la mostra abbia inizio!

IMG_4678

Gli scatti di Maria Mulas

IMG_4681

Le drag queen afroamericane

Le drag queen afroamericane

IMG_4682

Tipi da Museo

 

IMG_4685

The Beatles

IMG_4688

Citazioni di Andy Warhol

Infine, due significative sezioni accolgono i visitatori con le famosissime immagini maschili e femminili, come quella di Marilyn Monroe.

IMG_4692

IMG_4691

 

Per maggiori informazioni cliccare qui

Ugo La Pietra "ABITARE CON ARTE – Ricerche e opere nelle arti applicate e nel design".

Ugo La Pietra “ABITARE CON ARTE – Ricerche e opere nelle arti applicate e nel design”

Oggi alle ore 18.00 il MUST – Museo Storico della Città di Lecce ospiterà la lecture di Ugo La Pietra “ABITARE CON ARTE – Ricerche e opere nelle arti applicate e nel design”.

Ugo La Pietra ha contribuito all’evoluzione del design attraverso progetti, opere e pubblicazioni di saggi; verrà ripercorsa la sua ricerca dagli anni Sessanta a oggi, l’importanza della cultura del fare e dell’artigianato, la necessità di una continuità tra tradizione e innovazione, l’attenzione al design territoriale e il merchandising museale.

Parteciperanno:
Ninì Elia – Direttore MUST
Toti Carpentieri – Art Director MUST
Rocco De Matteis – Presidente Ordine Architetti Lecce
Cintya Concari – Organizzazione & Coordinamento
Roberto Marcatti – Presidente ADI Delegazione Puglia e Basilicata
Ugo La Pietra – Architetto, Designer, Ricercatore

Infine, alle ore 20:00 sarà inaugurata la mostra “ODORI E SAPORI” di La Pietra.

"Andy Warhol Ladies vs Gentleman e gli scatti di Maria Mulas"

“Andy Warhol – Ladies vs Gentleman e gli scatti di Maria Mulas”

Da sabato 25 giugno presso il Castello Carlo V di Lecce , la mostra “Andy Warhol – Ladies vs Gentleman e gli scatti di Maria Mulas”, con 72 opere di Andy Warhol e 12 fotografie di Maria Mulas, a cura di SpiraleMilano e Lorenzo Madaro.

Il pubblico avrà la possibilità di ripercorrere i momenti salienti della vita artistica di Andy Warhol, come quello del ciclo Ladies and Gentleman che raccoglie dieci serigrafie del 1975 e che ritraggono le drag queen afroamericane del club newyorkese The Gilden Grape.

Successivamente due significative sezioni accolgono i visitatori con le famosissime immagini maschili e femminili (Marilyn, Mao, Keith Haring) realizzate dal maestro della Pop Art americana. Il tutto affiancato da una serie di ritratti dell’artista realizzati da Maria Mulas nel 1987, un’opera dedicata da Warhol a Maria Mulas e un video.

Inoltre, gli scatti della grande fotografa italiana Manerba del Garda, virate con cromie warholiane, costituiscono una preziosa testimonianza dell’ultima uscita pubblica di Andy Warhol, a un mese dalla sua morte.

Completa l’esposizione il video Factory Diaries, realizzato nel maggio 1982 da Andy Warhol e Peter Wise che documenta un viaggio tra amici all’insegna dell’allegria, da New York a Cape Cod.

Info:

la mostra durerà fino a domenica 20 novembre 2016,  sarà disponibile il catalogo ed è previsto un servizio di visite guidate; di seguito gli orari del Castello Carlo V:

dal 25 giugno al 15 luglio dalle 9:00 alle 21:00

dal 16 luglio al 31 agosto dalle 9:00 alle 23:00

dal 1 al 30 settembre dalle 9:00 alle 21:00

dal 1 ottobre al 20 novembre dalle 9:00 alle 20:30

sabato e la domenica l’apertura è alle 9:30.

Segui l’evento su fb 

Per ulteriori info: 0832246517 – castellocarlov@gmail.com – info@theutra.it

"Idee in Volo" di Riccardo Dalisi al Must

“Idee in volo” di Riccardo Dalisi al Must

Giovedì 16 giugno dalle ore 19:00 alle ore 23:00 il MUST – Museo Storico Città di Lecce in collaborazione con l’Associazione per il Disegno Industriale – ADI organizzano la mostra “Idee in volo” di Riccardo Dalisi a cura di Cintya Concari e Roberto Marcatti.

Il Museo ospiterà progetti e creazioni artistiche sull’uomo, la cultura e la realtà attraverso la ricerca, la manualità artigianale e l’utilizzo dei materiali poveri. I temi: architettura, scultura, pittura, design, materiali e altri di primaria attualità come il riciclo, la decrescita e l’eco-compatibilità.

Riccardo Dalisi è stato uno dei primi artisti italiani ad applicare il concetto di sostenibilità al “design povero” con la lavorazione di materiali comuni. Dalisi ha valorizzato socialmente la sua ricerca rendendo partecipi bambini e anziani dei quartieri poveri di Napoli.

Inoltre, in occasione della mostra “Un art pauvre” che si svolgerà dall’8 giugno al 29 agosto, presso il Centre Pompidou di Parigi, le opere di Dalisi, da poco acquisite dal Museo, saranno esposte assieme alla documentazione del suo lavoro.

Info:

la mostra rimarrà aperta al pubblico fino a dicembre 2016.

Orari di apertura: www.mustlecce.it

Segui l’evento su fb

Valigie vintage al Museo Ferroviario della Puglia.

Al Museo Ferroviario della Puglia 150 candeline per la stazione di Lecce. Celebrazioni il 15 gennaio.

Un anniversario importante quello dei 150 anni della ferrovia Bari-Lecce. Forse in molti se ne sono dimenticati, di certo non al Museo Ferroviario di Puglia, dove fervono i preparativi per le celebrazioni del 15 Gennaio

.

Manifesto per i 150 anni della stazione di Lecce al Museo Ferroviario della Puglia.

Nello stesso giorno del 1866 veniva aperta all’esercizio la linea Bari-Lecce, tra l’esultanza della folla e i festeggiamenti nelle varie stazioni alla presenza delle autorità locali. Solo sei anni dopo, nel 1872, la ferrovia giunse ad Otranto, ultima stazione della dorsale adriatica, ma la tratta tra Lecce ed Otranto fu considerata sin dalle origini una linea secondaria.

Sebbene un progetto di linea ferroviaria che congiungesse la Puglia con Napoli era già stato redatto un decennio prima durante il Regno dei Borboni, per far arrivare le rotaie in Puglia bisognò aspettare la nascita del Regno d’Italia (1861). Uno dei principali impegni del nuovo Stato italiano, infatti, fu quello di realizzare una rete ferroviaria nazionale. Sino ad allora, le linee ferroviarie si erano estese sufficientemente solo nel settentrione. Gli ambienti politici ed economici salentini sollecitavano l’arrivo della ferrovia, giudicata indispensabile all’economia locale prevalentemente agricola, che necessitava di trasporti efficienti per essere competitiva sui nuovi mercati dell’Italia e dell’Europa; anche lo sviluppo dei porti salentini era legato al necessario collegamento con la rete ferroviaria nazionale.

La legge del 22 agosto 1862, firmata da Agostino De Pretis e Quintino Sella, autorizzava finalmente la costruzione delle linee Ancona-Otranto via Termoli, con diramazioni da Bari a Taranto, e da Foggia a Napoli.

Un mese dopo veniva costituita la Società Italiana per le Strade Ferrate Meridionali e furono subito avviati i cantieri per la costruzione della linea adriatica. Solo 4 anni dopo la linea giungeva nell’ultimo capoluogo di provincia a esserne servito, Lecce.

Come per i film in uscita non vi raccontiamo tutta la trama per invitarvi a visitare la mostra150 anni della ferrovia Bari-Lecce (1866-2016)” a cura del prof. Carmelo Pasimeni dell’Università del Salento, voluta dall’Aisaf in funzione dell’evento e estratta dalla mostra “Ferrovia e territorio in Puglia”. La mostra, a ingresso gratuito, sarà visitabile ogni giorno dal 16 al 24 gennaio dalle 9.30 alle 12.00, sabato e domenica anche dalle 16.30 alle 19.30.

La mostra verrà inaugurata nel corso delle Celebrazioni del 15 gennaio al Museo Ferroviario della Puglia a Lecce. Di seguito il programma:

Ore 18.30

Saluti previsti: Dott. Michele Emiliano, Presidente Regione Puglia; Dott. Antonio Gabellone, Presidente Provincia di Lecce; Dott. Paolo Perrone, Sindaco della Città di Lecce

Interventi: Prof. Carmelo Pasimeni, Università del Salento; Avv. Francesco Capezza, Presidente AISAF Onlus.

Ore 19,15

Apertura della mostra “150 anni della ferrovia Bari-Lecce (1866-2016)” a cura di C. Pasimeni.

Ore 20.00

Aperitivo finale.

A ricordo dell’avvenimento l’AISAF Onlus ha stampato tre cartoline commemorative, dedicate alle stazioni di Bari, Brindisi, Lecce, ritirabili presso il bookshop del Museo Ferroviario.

Se è vero che i 150° anni della stazione di Lecce sono un avvenimento importante che rischiava di essere sottaciuto se non fosse stato per la sensibilità e il lavoro dell’Aisaf (Associazione Ionico-salentina amici ferrovie) che gestisce il Museo, allora è altrettanto vero che

Il Museo Ferroviario della Puglia è, infatti, un posto che aiuta a comprendere chi eravamo, e dove siamo andati nel passato, e per questo quindi, un posto che aiuta a mantenere viva la nostra memoria storica collettiva salentina, e ci aiuta a capire dove ci stiamo dirigendo oggi. ( Luciana Lettere di Madeforwalking.it nei suoi “5 buoni motivi per visitare il Museo Ferroviario di Puglia“).

 

SE T’INTERESSA IL MUSEO FERROVIARIO PUOI LEGGERE ANCHE:

Tipi da Museo: prima fermata al Museo Ferroviario della Puglia.

Le opere dei “Tipi da museo” al Museo Ferroviario, secondo me

Camminare nel Museo Ferroviario della Puglia, lungo i binari del tempo

Il cercatore di scarpe- Antonio Catanzariti

IL CERCATORE DI SCARPE: ANTONIO CATANZARITI all’ex chiesa di San Sebastiano a Lecce

IL CERCATORE DI SCARPE: ANTONIO CATANZARITI

Il Cercatore di Scarpe: Antonio Catanzariti

Il 2 novembre 2015, alle ore 19:00, presso la sede della Fondazione Palmieri, ex chiesa di San Sebastiano a Lecce sarà inaugurata la mostra dal titolo Il cercatore di scarpe, di Antonio Catanzariti.

La mostra, che resterà visitabile fino all’ 8 novembre 2015, fa parte della rassegna Handmade – ArtistsinAction.02, un progetto di Arte e Artigianato curato da Fernando Perrone (Laboratorio Tracce Factory) che proseguirà negli spazi della Fondazione Palmieri fino al 31 dicembre 2015.

Antonio Catanzariti, salentino di origine calabrese risiede e opera a Lecce.
Sua peculiare caratteristica è il riscattare dalla fissità funzionale un oggetto, trasmutandone il destino avuto in sorte al momento della nascita in un altro, esaltato dalla magia di un’ispirazione diversa che lo trasporta nell’olimpo della espressione estetica.
Ecco allora le vecchie scarpe, sedie abbandonate, scarti di oggetti, tornano a rivivere e a dare nuove emozioni grazie alla sua inesauribile fantasia.
Una naturale predisposizione alla manualità lo ha sempre portato a sperimentare forme con materiali diversi. Il tema della scarpa è nato casualmente dall’incontro con oggetti, tra cui le scarpe, restituite dal mare sulla spiaggia che lo hanno da subito incuriosito perchè, dice l’artista stesso, gli raccontano delle storie di vita, tanto da farle rinascere ad una nuova vita, dando ad ognuna di esse un carattere ben definito.
Tale conversione dello sguardo insieme alla spontanea creatività di Antonio Catanzariti accompagnerà il sentire dei nostri animi e illuminerà i nostri occhi, permettendoci di scorgere la bellezza ovunque, in ogni cosa o elemento intorno a noi, come una scarpa vecchia e abbandonata, se soltanto sappiamo guardarla.

 

Halloween con i Dinosauri

HALLOWEEN CON I DINOSAURI al Museo di Storia Naturale di Calimera

HALLOWEEN CON I DINOSAURI

Sabato 31 ottobre, dalle 16.00 alle 20.00 (ultimo ingresso 19.00), in occasione della Festa di Halloween, il Museo di storia naturale del Salento di Calimera aprirà straordinariamente le sue sale dando l’occasione di visitare la già suggestiva mostra sui Dinosauri con la complicità del buio.

La paura sarà la protagonista della giornata!
Ai piccoli visitatori per l’occasione saranno proposti, oltre alla consueta attività, anche laboratori creativi da paura, cocktail schifosissimi (come la famosa bava di T Rex), dolcetti o scherzetti e passeggiate nel buio…tutto con sottofondo di spaventosi versi di strani animali.

La mostra, inaugurata già lo scorso 4 ottobre, è costituita da dinosauri a grandezza naturale, esemplari riprodotti su scala 1:1 da un team formato da paleontologi e artisti.

Adulti e soprattutto bambini potranno immergersi in un percorso avvincente ed esaltante alla scoperta dei dominatori dell’era Mesozoica, fino ai primi grandi mammiferi del Cenozoico e agli uccelli del Parco faunistico in un’atmosfera creata appositamente per l’occasione.

Tra i servizi il Museo offre inoltre:
– lo shop del museo
– servizio bar
– attività didattiche

INFO E CONTATTI:
HALLOWEEN 345 6186364; info@ildadogira.it
Mostra e Parco faunistico, Museo, Vivarium: 389 1326102; 324 8890790; info@msns.it
Attività didattiche e scuole 345 6186364; info@ildadogira.it

Ritrovamenti

RI TROVA MENTI mostra di arte contemporanea a Lecce

RI TROVA MENTI

Dal 18 al 24 ottobre, sarà possibile visitare, all’interno dell’ex chiesa di San Sebastiano a Lecce la mostra-installazione di Giovanni Carpignano scultore del ferro “Ri Trova Menti”.

Giovanni Carpignano scultore del ferro, originario di Palagianello (Taranto), attivo da oltre 35 anni sul territorio nazionale e internazionale, interpreta la scomposizione e la successiva selezione delle parti migliori di “objets trouvé” come scarti agricoli e industriali usurati, rinvenuti nel paesaggio campestre.

….[L’esperienza artistica di Carpignano, annota Chiara Romano, oscillando tra riuso concettuale e materiale, indaga il rapporto arcaico tra contesto naturale e il passaggio dell’uomo].

La mostra fa parte del progetto di Arte e Artigianato “Handmade | Artists in Action.02”, nato per favorire la contaminazione e interazione tra artisti e allo stesso tempo il coinvolgimento attivo del pubblico.

La novità rilevante della seconda edizione consiste nel fatto che le mostre dei singoli ospiteranno in alcuni casi “Incursioni Artistiche” della durata di un giorno (one day) con installazioni inedite tra interno ed esterno nel prestigioso spazio della Fondazione Palmieri in Vico dei Sotterranei n°21 a Lecce, che ospiterà l’intera rassegna dal 20 luglio al 31 dicembre 2015.

Il progetto è inserito nel calendario degli eventi di Lecce 2015 Capitale Italiana della Cultura, a cura di Fernando Perrone [LaboratorioTracceFactory]. Il filo conduttore è la lavorazione hand-made, fatta a mano, dei materiali peculiari del nostro territorio (Pietra, Carta, Ferro, Argilla).

La prima edizione si è tenuta a maggio 2014 per il mese dell’EUtopia a sostegno della candidatura di Lecce Capitale Europea della Cultura 2019, riscuotendo successo di critica e di pubblico, per questo l’esigenza di riproporlo e ampliarlo con un progetto più ambizioso e duraturo nel tempo con l’esplicita necessità di tutelare, promuovere e diffondere la Cultura Materiale e le Arti Applicate.

Mara Van Wess-Grottaglie

MADE IN LOCO. La Ceramica di Grottaglie e Laterza tra tradizione e innovazione, Mostra dell’artista in “residenza” Mara van Wees

MADE IN LOCO. La Ceramica di Grottaglie e Laterza tra tradizione e innovazione

Si inaugura sabato 17 ottobre alle ore 11,30, presso il Castello Episcopio di Grottaglie la prima delle Mostre finali del progetto “Made in Loco” giunto alla terza edizione regionale ed alla seconda per Grottaglie.

Il progetto del Segretariato Regionale MiBACT per la Puglia, a titolarità Regione Puglia, è stato finanziato con fondi POIn (Programma Operativo Interregionale FESR PUGLIA 2007-2013 “Attrattori culturali, naturali e turismo” – Asse II Linea di intervento II 2.1 – Intervento a titolarità regionale “Immateriale e valorizzazione turistica del territorio”. Attività 2) con la collaborazione del Comune di Grottaglie e del Liceo Artistico “V. Calò”.

Ripetendo il format di successo delle passate edizioni, l’artista olandese Mara van Wees, selezionata attraverso un bando pubblico, nel suo periodo di un mese a Grottaglie ha incontrato gli artigiani delle botteghe ed ha realizzato workshop e seminari con  gli studenti del Liceo “Calò”.

In mostra i lavori realizzati in residenza, che entreranno a far parte della collezione fissa del Museo della Ceramica di Grottaglie, oltre a video, istallazioni ed immagini che illustrano nelle fasi di realizzazione il progetto.

E’ prevista all’inaugurazione la presenza dell’Assessore all’Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia, Loredana Capone; del Sindaco di Grottaglie Ciro Alabrese del Segretario regionale del MiBACT Eugenia Vantaggiato e del Dirigente Scolastico Brigida Sforza.

Durante il periodo della Mostra, che resterà aperta fino al 23 ottobre sono previste le seguenti manifestazioni nel castello Episcopio:

22 ottobre giovedì ore 11,00 presentazione swype story sulla ceramica.

23 ottobre venerdì ore 19,00 finissage. Performance: “ Finger painting. L’interpretazione della ceramica” dell’artista canadese Matthew Watkins.

Rassegna Di-Segni

RASSEGNA DI-SEGNI alla Galleria Foresta

RASSEGNA DI-SEGNI

L’Associazione Culturale Galleria Francesco Foresta, nel seguire il proprio programma per Lecce Capitale Italiana della Cultura 2015 e nell’ambito del Picturebook Fest, primo Festival dell’arte e della letteratura per ragazzi a Lecce, a cura dell’associazione LedA, ITC Advisor e Chiara Lorenzoni,
PRESENTA una propria rassegna “Di-Segni” a cura di Alfredo Foresta che si articola in tre specifiche mostre:

-“Miramuri”, tavole illustrate di Alessandro Sanna e Massimiliano Tappari, dal libro omonimo edito da Terre di Mezzo,

-“Alessandro Anselmi, Di-Segni di architettura ” a cura di Ester Annunziata con Studio Anselmi Associati_ Valentino Anselmi, Cecilia Anselmi, Valerio Palmieri

-la mostra Franco Dellerba_Luce a cura di Lorenzo Madaro con la presentazione delle monografia dello stesso artista.

Oltre le tre mostre il programma prevede un ciclo di incontri, workshop, presentazioni di libri e visite guidate. La rassegna, è l’occasione per mettere in luce l’importanza del Di-Segno, sia come espressione esclusivamente artistica, sia come mezzo di comunicazione e sia come strumento fondamentale per la ricerca formale e spaziale dell’architettura. Di seguito il programma dettagliato della rassegna e la scheda tecnica degli eventi.


Programma

Giovedì 8 ottobre 2015 |ore 17:00| galleria francesco foresta
“Due fuori Lecce” Guardare la città con altri occhi: workshop di foto e grafia con Alessandro Sanna e Massimiliano Tappari, per adulti, illustratori, insegnanti (iscrizione 30 euro, per infoinfo@leccepicturebook.it. ) A cura di Picturebook fest.

Le storie non stanno solo nei libri, ma anche in quei paesaggi che abbiamo sotto al naso tutti i giorni, ma che l’abitudine ha reso quasi invisibili. Massimiliano Tappari e Alessandro Sanna scattano fotografie e ci disegnano sopra con la tavoletta grafica, creando così delle immagini che stanno in bilico tra realtà e fantasia, tra figurativo e astratto, tra digitale e analogico, tra storia e geografia. Sono fotografie disegnate o disegni fotografati? Qual è lo sfondo e quale il primo piano? Dove è finita la copia originale? Si tratta di un gioco di sguardi e pensieri che si alimentano a vicenda e che ha l’ambizione di stimolare lo spettatore a riguardare la realtà circostante, perché anche ciò che sembra un piccolo dettaglio insignificante può essere trasfigurato in qualcosa di poetico e universale. Il workshop prevede una dimostrazione di disegno dal vivo con iPad, racconti di immagini e l’intervento diretto dei partecipanti sulle fotografie fornite dagli autori.

Venerdì 9 ottobre |ore 18:30 | galleria francesco foresta
“Miramuri”. Inaugurazione mostra delle tavole del libro “Miramuri”, di Alessandro Sanna e Massimiliano Tappari, Terre di Mezzo edizioni, 2015 e presentazione di “Due fuori Lecce”, esplorazioni nel centro storico di Lecce a cura degli autori. A cura di Picturebook fest.
La mostra verrà presentata da Milena Tancredi, direttore artistico Buck Festival – Festival della letteratura per ragazzi di Foggia con Melania Longo, direttore artistico Picturebook Fest – Festival dell’arte e della letteratura per ragazzi di Lecce.


Sabato 10 ottobre 2015 |ore 20:00 | galleria francesco foresta
Alessandro Anselmi_Di-Segni di Architettura
a cura di Ester Annunziata con Studio Anselmi Associati_ Valentino Anselmi, Cecilia Anselmi, Valerio Palmieri. La mostra presenta di disegni originali di architettura del grande maestro Alessandro Anselmi gentilmente prestati dai figli, Valentino e Cecilia Anselmi. Tra i disegni molti sono inediti. La mostra ha ricevuto il patrocinio dell’istituto nazionale di architettura sezione puglia

Domenica 11 ottobre 2015 |ore10:00 | cimitero Monumentale di Parabita
Visita guidata presso il cimitero di Parabita con Valentino Anselmi, Cecilia Anselmi, Valerio Palmieri e Aldo D’Antico in collaborazione con il centro di cultura “il laboratorio” di Parabita.

Giovedì 15 ottobre 2015 |ore 18.30 | galleria francesco foresta
Franco Dellerba 1976-2012. Presentazione della monografia di Franco Dellerba (ed. Grafica 080) con testi di A. Bonito Oliva, M. Bonomo, P. Marino, F. Solmi e altri autori Franco Dellerba _Luce
mostra di Dellerba, a cura di L. Madaro, con una selezione di opere storiche e recenti.

A Tavola con i Santi- Bari

A TAVOLA CON I SANTI all’ex Teatro Margherita di Bari

A TAVOLA CON I SANTI

Mercoledì 7 ottobre 2015 alle ore 19,00 sarà inaugurata a Bari la mostra “A tavola con i Santi”.

Il Teatro Margherita invaso dalle luminarie. Sulla facciata i video proiettati racconteranno la vitalità delle feste patronali in Puglia.

La mostra, realizzata dal segretariato regionale del Mibact con il Comune e la sede Rai della Puglia, è stata concepita per mettere in evidenza il patrimonio immateriale del territorio. Tanta tradizione che fa rima con turismo, perché “la riscoperta di queste espressioni della storia locale – spiega il segretario regionale Mibact per la Puglia Eugenia Vantaggiato – è un riscatto nei confronti di un’usanza che ha sempre voluto le tradizioni poste a un livello inferiore rispetto alle discipline tradizionali”. Una tavola imbandita attende i visitatori – l’inaugurazione è alle 19 – proprio come quelle che resistono nei paesini del Salento, allestite da secoli in occasione della festa di San Giuseppe.

Della mostra è già stata organizzata in precedenza un’anteprima all’interno della Fiera del Levante con la proiezione del video realizzato in collaborazione con Teche RAI.

La mostra resterà aperta al pubblico fino al 16 ottobre all’ex Teatro Margherita di Bari.

All’inaugurazione interverranno:

Antonio Decaro, Sindaco di Bari

Giovanni Liviano, Assessore all’industria turistica e culturale della Regione Puglia

Silvio Maselli, Assessore alle culture e turismo della Città di Bari

Eugenia Vantaggiato, Segretario regionale del Ministero dei beni e delle attività culturali per la Puglia

Carlo Brienza, Direttore sede regionale RAI

Davide Carlucci, Presidente “Cuore della Puglia”

La mostra resterà aperta al pubblico fino al 16 ottobre all’ex Teatro Margherita di Bari.

STONE STORIES

STONE STORIES

STONE STORIES, le pietre di Puglia nell’architettura, nel design, nel paesaggio.

Il 6 ottobre 2015 alle ore 18:00, l’architetto Álvaro Siza ritorna in Puglia per, inaugurare la sezione permanente dell’Ecomuseo della Pietra e delle Cave di Cursi con la mostra STONE STORIES che approda definitivamente in Puglia dopo aver portato in giro per il mondo (Milano, Londra e Dubai) la storia della nostra regione attraverso le sue pietre. Da Apricena a Trani a Minervino Murge, Ostuni, Cisternino, Cursi, Gallipoli, i grandi architetti le hanno scelte per realizzare i loro progetti in tutto il mondo ma anche i cavamonti e gli scalpellini che con la loro fatica secolare hanno fatto della Puglia la seconda regione in Italia per produzione ed esportazione di materiali lapidei.

L’idea nasce dall’esigenza di far conoscere la storia del rapporto tra le pietre di Puglia e la grande architettura contemporanea e il design, attraverso la voce dei grandi progettisti, degli imprenditori del settore, di cavatori, scalpellini ed edili, perché dentro queste storie c’è un tratto essenziale dell’ identità della regione, ma anche della sua immagine internazionale e della sua economia.

L’articolato progetto, curato dall’architetto Dario Curatolo per Four in the morning, andrà a collocandosi negli ambienti del frantoio ipogeo di Cursi secondo un percorso di mostra suggestivo progettato dagli architetti Dario Curatolo e Marta Spadaro. Si tratta, di fatto, del coronamento di un percorso visionario iniziato alla fine degli anni ’90 che continua a scommettere sulla narrazione e rappresentazione dell’incontro tra una tradizione produttiva come quella della pietra, e il mondo della creatività a livello locale ed internazionale.

Quella della pietra di Puglia è una storia di passato e di presente, una vicenda d’impresa, lavoro, territorio e pensiero che incarna il momento felice e dinamico vissuto dalla Regione Puglia che si dimostra in grado di raccogliere la sfida della contemporaneità coniugando creatività e produttività.

Nel percorso di valorizzazione del settore lapideo, avviato dalla Regione Puglia, c’è l’interesse a tutelare da un lato un’attività caratterizzata da un prodotto di grande pregio e dall’altro le condizioni di un paesaggio ricco e bello.

La giornata pugliese del maestro Siza prevede anche l’installazione presso un grande uliveto di Palmariggi, in collaborazione con l’Associazione Amici degli Olivi Secolari, di una grande opera in pietra di Cursi 
che che egli ha voluto dedicare al Salento e alla sua identità culturale
 che proprio nella pietra e nell’ulivo trova i due tratti essenziali.

La scelta di inaugurare un parco di sculture ambientato in un uliveto secolare con una istallazione in pietra realizzata da uno dei più grandi architetti contemporanei come Alvaro Siza rappresenta una dichiarazione d’intenti rispetto ai contenuti del progetto Mediterranean Sculpture Park.

Auti Pariti è un luogo appartato ma aperto sul mondo e sulla contemporaneità di un Mediterraneo in crisi in cui la scultura non cerca la monumentalità 
ma il dialogo con gli elementi della natura e del paesaggio naturale e umano. Una scultura non assertiva ma interrogante.

Siza ha voluto intitolare la sua opera “Rifugio” – in portoghese “abrigo” – .“ Termine che rende tangibile il suo pensiero legato alla parola casa. Forse è quello di cui ha bisogno oggi l’arte. Di luoghi protetti, di rifugi appunto, in cui, al riparo dal caos, praticare l’esercizio critico, resistere all’omologazione, lavorare con le differenze, misurarsi con l’alterità.

Il progetto Mediterranean Sculptures Park è un’altra tappa di un museo
 del territorio compreso nel concetto stesso di Ecomuseo che comprende
le piccole comunità dell’Entroterra Idruntino.

“La giornata salentina” di Siza inizierà alle 12.00 con la visita al cantiere delle cave di Marco Vito a Lecce.

PROGRAMMA DELLA GIORNATA:

– ore 12 visita al cantiere delle Cave di Marco Vito

– ore 16:00 Presentazione della scultura “Abrigo I Rifugio” a Palmariggi (LE) in Località Auti Pariti

– ore 18:00 inaugurazione della mostra STONE STORIES presso l’Ecomuseo della pietra e delle Cave, Cursi (LE)

Mater Meravilliosa

MATER MERAVILLIOSA alla Pinacoteca Comunale di Ruffano

MATER MERAVILLIOSA

La Pinacoteca comunale di Ruffano presenta la mostra Mater meravilliosa, con opere di Elio Talon, scultore e poeta. L’artista, nato a Caorle (Venezia), vive attualmente a Bologna. Nella stessa città si è diplomato in Scultura all’Accademia di Belle Arti, nel 2005, con una tesi dal titolo “Il senso del sacro all’origine dell’arte”.
La mostra Mater meravilliosa si pone quale momento di riflessione sulla figura della madre, declinata nei vari aspetti della nostra cultura mediterranea, dalla dea madre alla Vergine, fino ad una visione angelicata di un femminino che vuole sottolineare una dimensione sacrale della genesi. Le sculture, realizzate in terracotta refrattaria bianca, carta e ceramica raku, invitano ad uno sguardo intimo e delicato sul femminile. Il viaggio nell’archetipo della madre è accompagnato da scritture poetiche dello stesso artista che arricchiscono l’allestimento, dove le figure angeliche si fanno portatrici della parola ispirata, di un nuovo dire.
Nella corso della serata insieme all’artista, interverrà il prof. Franco Contini docente all’Accademia della Belle Arti di Lecce. Porgeranno un saluto il dott. Carlo Russo, Sindaco del Comune di Ruffano e il dott. Pasquale Gaetani, Assessore alla Cultura. La mostra verrà inaugurata sabato 26 settembre 2015 alle ore 20.30 e proseguirà fino al 15 gennaio 2016.

Archimede un genio tra noi

ARCHIMEDE – UN GENIO TRA NOI al Castello Svevo di Trani

ARCHIMEDE – UN GENIO TRA NOI

Il 10 Settembre alle ore 17:00 inaugura al Castello Svevo di Trani la mostra dal titolo “Archimede –Un genio tra noi”dedicata al matematico e fisico greco Archimede. 

La mostra, che ripercorre la vita di Archimede e fa “toccare con mano” le sue idee straordinarie, è un viaggio tra storia e leggenda alla scoperta delle ricerche che lo hanno reso celebre: dall’idrostatica alla meccanica, dalla geometria alla matematica.

Un vero e proprio percorso interattivo, ospitato nella splendida cornice del Castello di Trani. Grazie agli exhibit interattivi (totem, touch screen, postazioni informatiche, guide, DVD) – progettati dal Consiglio Nazionale delle Ricerche – i visitatori potranno sperimentare in prima persona i fenomeni alla base di noti principi, apprendendo dall’osservazione e interazione diretta quali sono le regole, i comportamenti e le “leggi” che li determinano. La mostra permette inoltre di (ri) scoprire la vastità degli ambiti di studio affrontati dal genio siracusano, figura storicamente certa ma i cui contorni sfumano nella leggenda.

La struttura ad exhibit con i quali il visitatore potrà interagire, stimola la partecipazione; la disponibilità di supporti multimediali ricchi di animazioni coinvolgerà i visitatori, favorirà un primo approccio intuitivo ai concetti più astratti di matematica e di fisica e incoraggerà ad una comprensione più profonda. Il supporto multimediale, è strutturato su differenti livelli di difficoltà, così da consentirne l’accesso a persone di diversa preparazione. Nel percorso espositivo della mostra il visitatore di ogni età e livello culturale troverà elementi d’interesse e strumenti di approfondimento adatti alle sue esigenze.

Ogni exhibit sarà accompagnato da supporti multimediali che consentono al visitatore una comprensione delle grandi scoperte matematiche (misure di superfici e di volumi, quadratura del cerchio, calcolo del baricentro dei corpi) e fisiche (principio della leva, galleggiamento dei corpi). Le spiegazioni, spesso affidate a stimolanti simulazioni, sono accompagnate da note storiche, informazioni sull’opera di Archimede, aneddoti, bibliografia, ecc.

Mostra Stella Maris

Le marine del Salento nel 1700 al Museo della Memoria e dell’accoglienza di S.M. al Bagno

Sabato 8 agosto alle 19.30 al Museo della Memoria e dell’Accoglienza si terrà l’inaugurazione della mostra fotografica “Stellae Maris – Le marine del Salento nei dipinti murari del 1700 della sagrestia della matrice di Parabita”.
La mostra sarà visitabile fino al 31 agosto durante gli orari di apertura del Museo (tutti i giorni dalle 19.30 alle 22.00 e il sabato dalle 20.00 alle 23.00).

In occasione del sessantesimo anniversario dell’Associazione Italia Nostra, la mostra permetterà di apprezzare un bene storico artistico poco conosciuto e unico nel suo genere. La particolarità di questi dipinti, realizzati alla fine del ‘600, è quella di essere un vero e proprio inno alla natura e al paesaggio. Inoltre alcune delle marine illustrate sono diventate poi, due secoli e mezzo dopo, scenari di quella vicenda umana del popolo ebreo custodita dallo stesso Museo della Memoria e dell’Accoglienza.

 

Inaugurazione della mostra "Album di Famiglia"

“Album di famiglia” in mostra e 5 candeline per Leda al Must di Lecce

Se avete figli piccoli, nipoti reali o acquisiti e abitate a Lecce o nei paraggi dovete assolutamente conoscere le tante attività organizzate da Leda (servizi educativi e didattica per l’arte) all’interno del Must di Lecce. Una buona occasione per farlo è quella di domani, 13 giugno, alle ore 19 con un doppio appuntamento: l’inaugurazione della mostra “Album di Famiglia” e i festeggiamenti per il 5° compleanno dell’organizzazione.
La mostra è il momento finale di una laboratorio d’arte per mamme e papà che nel mese di maggio, in occasione del Maggio dei Libri,hanno condiviso la passione per l’Arte, gli albi illustrati e la letteratura per l’infanzia. Il Laboratorio ispirato all’albo illustrato “Sonno gigante Sonno piccino”, di Giusi Quarenghi e Giulia Sagramola, edito da Topipittori ha portato alla realizzazione di veri e propri libri d’artista, dove la storia raccontata è quella delle foto di famiglia di ogni partecipante, scovate nei cassetti e ravvivate con illustrazioni ed un cambio di prospettiva.